Archivi tag: Diritti costituzionali

Report Istat 2015

Pubblicato l’11 agosto 2016 da www.womenews.net

La povertà in Italia – le risposte dell’Europa

la povertà in ItaliaDal sito dell’Istat –  Le stime diffuse in questo report sono riferite a due distinte misure della povertà: assoluta e relativa, che sono elaborate utilizzando due diverse definizioni e metodologie basate sui dati dell’indagine sulle spese per consumi delle famiglie.

Nel 2015 si stima che le famiglie residenti in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 milione e 582 mila e gli individui a 4 milioni e 598 mila (il numero più alto dal 2005 a oggi). Continua la lettura di Report Istat 2015

Le lotte delle donne per il diritto di voto – 3

Pubblicato in www.womenews.net

Rosangela Pesenti: Cosa significa ricordare i settant’anni del voto delle donne.

Voto-alle-donne-in-Italia-70-anni-di-storia-300x200

4 aprile 2016
Che cosa significa ricordare i settant’anni del voto alle donne in Italia? Le madri costituenti se ne sono andate e anche la maggior parte delle donne che hanno sognato una democrazia in cui vivere libere ed eguali, cittadine a pieno titolo. Libere prima di tutto dalla necessità di difendersi dalle leggi, come quelle che stabilivano l’inferiorità del valore del lavoro delle donne e che consideravano inaffidabili le donne; libere dalla sottomissione paterna e maritale, libere dalle gravidanze coatte, dallo stupro legalizzato con il matrimonio, dalla discriminazione legalizzata dal pregiudizio, dall’asservimento del corpo e dalla mortificazione dei pensieri. Ancora a lungo si discusse in Italia dell’inaffidabilità delle donne, della nostra intrinseca debolezza, della perfidia, frivolezza, incapacità. Discutevano gli uomini: delle donne a cui era stato affidato il plastico da trasportare, nascosto contro la pelle perché col freddo esplode, a cui avevano affidato le informazioni, il territorio, le case, i rifornimenti, la loro stessa vita. Continua la lettura di Le lotte delle donne per il diritto di voto – 3

Lettera aperta di Senonoraquando Venezia

 Care donne,

 abbiamo inviato, come comitato Senonoraquando di Venezia, una ” Lettera al Direttore” ai giornali locali in cui denunciamo gli atti di limitazione della libertà di opinione e di pubblico confronto del sindaco Brugnaro e del sindaco Bitonci  e la presa di distanza da parte dell’assessore Donazzan dagli standar dell’OMS per quanto riguarda l’educazione sessuale nelle scuole. Vi alleghiamo la lettera inviata. Saluti, Simonetta Luciani

Lettera aperta

al Direttore /Direttrice de il Gazzettino, La Nuova, Il Corriere

E p.c. ai/alle Consiglieri/e del Consiglio Comunale di Venezia e del Consiglio Regionale del Veneto

Cosa sta succedendo a Venezia?

Cosa succede in Regione Veneto?

Viene messa in questione la libertà di opinione, di pubblico confronto?

Viene esercitata censura su testi e opinioni?

Alcuni fatti recenti. Continua la lettura di Lettera aperta di Senonoraquando Venezia

Le lotte delle donne per il diritto di voto – 2

La prima volta delle italiane al voto

di Gian Antonio Stella

Pubblicato in  27esimaora.corriere.it  2016.03.16

Abbiamo tutte nel petto un vuoto da giorni d’esame, ripassiamo mentalmente la lezione: quel simbolo, quel segno, una crocetta accanto a quel nome. Stringiamo le schede come biglietti d’amore…»

voto-donne-471x250

«Stringiamo le schede come biglietti d’amore». Non c’è testimonianza che ricordi cosa fu per le donne italiane il loro primo voto, esattamente settant’anni fa, quanto le parole di Anna Garofalo in L’italiana in Italia scritto per Laterza nel ’56: «Lunghissima attesa davanti ai seggi. Sembra di essere tornati alle code per l’acqua, dei generi razionati. Abbiamo tutte nel petto un vuoto da giorni d’esame, ripassiamo mentalmente la lezione: quel simbolo, quel segno, una crocetta accanto a quel nome. Stringiamo le schede come biglietti d’amore…» Continua la lettura di Le lotte delle donne per il diritto di voto – 2

Le lotte delle donne per il diritto di voto – 1

Pubblicato in www.cheliberta.it 08.03.2016

Suffragette, il coraggio di essere donne

Suffragette-crop-2
IMG_4449-e1438971235189-150x150di Rita Cavallari

“È qui la chiave del film, quando Maud sente che deve uscire dalla situazione di sudditanza in cui vive e deve mettere tutta se stessa nella lotta per la parità, sacrificando la propria vita privata, anche a costo di perdere la famiglia, anche se dovrà affrontare la prigione, anche se resterà sola.”

Suffragette-1024x683

Scena dal film “Suffragette” di Sarah Gavron (UK, 2015)

C’è voluta la prima guerra mondiale perché le donne del Regno Unito potessero votare. Nel 1918 fu loro riconosciuto il diritto di voto purché fossero sposate e avessero almeno trent’anni di età, ma dovettero aspettare altri dieci anni perché il voto fosse esteso a tutte.

Continua la lettura di Le lotte delle donne per il diritto di voto – 1